La Treggia

La treggia, un antico mezzo di trasporto indispensabile nella nostra montagna  Prima dell’avvento sistematico del trattore, intorno agli anni ‘70 del secolo scorso, il mezzo di trasporto tradizionale per tutti gli agricoltori, anche quelli che avevano l’attività   sopra e sotto la Setteponti, era il carro agricolo tirato dai buoi di razza chianina, animali di grande […]

Continua a Leggere

Il “Meo”: figura caratteristica nella società montanara di ieri.

Fino al periodo fra le due guerre mondiali nella società montanara del Pratomagno era ancora viva la figura del meo. Il meo altro non era che un ragazzo di circa 12 anni, che una famiglia povera affidava per un certo periodo di tempo ad un’altra famiglia, soprattutto di carbonai o boscaioli, per lavorare e imparare […]

Continua a Leggere

L’acqua e la pietra: gli antichi lavatoi

L’acqua e la pietra: gli antichi lavatoi Perché ricordarsi degli antichi lavatoi? Alla fine si tratta di oggetti di poco valore artistico e architettonico (salvo eccezioni).  Essi però hanno fatto parte della vita quotidiana di generazioni di donne, fino a tempi relativamente recenti hanno visto la fatica, le storie di vita e i pettegolezzi, la voce […]

Continua a Leggere

Tradizioni della nostra montagna: Le veglie e i grilli del “focarale”

La socializzazione fra la gente di montagna ha sempre avuto livelli e ritmi elevati perché l’ambiente disagiato, la solitudine, le vie di comunicazioni difficili, la solidarietà reciproca, il numero elevato di popolazione residente (nel versante del Monte Cocollo che sovrasta la via Setteponti, alla fine del secolo XIX vivevano più di 600 persone), portava a […]

Continua a Leggere

I “Fuochi di San Giovanni”

 I “fuochi di San Giovanni” e altri, nella tradizione popolare della nostra montagna. Nel territorio  lungo la via dei Setteponti, soprattutto nella parte superiore che poi arriva al monte Cocollo  con tutta la dorsale  divisoria fra il comune di Loro Ciuffenna e  quello di Castelfranco/Piandiscò,  fino a meta anni ‘ 50 del secolo scorso, vigeva […]

Continua a Leggere

I probabili luoghi dove venivano esercitati gli Usi Civici sul Monte Cocollo.

 In una economia di sussistenza  come quelle dei secoli passati (medievo ed età moderma), il diritto di legnatico e di pascolo  è sempre stata un’esigenza primaria molto sentita per  la popolazione povera, anche quella  che abitava  i paesi della  Sette Ponti come  Piantravigne, Persignano, Montemarciano.  Probabilmente esistevano anche  sulla montagna del Cocollo dei terreni di […]

Continua a Leggere

L’ultima grande epidemia nella nostra montagna e l’importanza della Patata

L’ultima grande carestia ed epidemia  di tifo petecchiale nella nostra montagna. L’affermazione della patata  come alimento importante fra le genti del Pratomagno Le persone che erano nate negli ultimi decenni del secolo XIX, in gran parte  coloro che avevano  partecipato alla Prima Grande Guerra  (i nostri nonni per  molti di noi: i  miei nonni sia […]

Continua a Leggere

Le Buche delle Fate di Oliveto. Origini e leggende.

Nella nostra montagna  la formazione rocciosa   prevalente  è costituita da affioramenti  di macigno, che prende appunto il nome di “Macigno del Pratomagno”,pietra sedimentaria costituita da  arenarie con   strati di argilliti scistose che ha avuto origine nel Periodo Oligocenico, periodo compreso  tra i 35 e i 23 milioni di anni fa. Questa pietra  è costituita da […]

Continua a Leggere

I rondoni : un volatile importante nella tradizione popolare, montanara e contadina

Le persone più anziane sanno benissimo  a cosa servivano quelle file di piccoli  fori circolari , in alto, sulle pareti esterne delle abitazioni. Nei muri delle casei ci  poteva essere anche  solo una fila, ma come si può vedere dalle foto di due abitazioni di Loro Ciuffenna, le file di fori  potevano essere invece diverse […]

Continua a Leggere

Gli anni neri dell’agricoltura nelle colline della Setteponti. (Quando si beveva l’acquerello o mezzovino)

Nel sistema collinare che incombeva sopra alla provinciale dei  Sette Ponti, la forma di conduzione prevalente dell’agricoltura era stata sin dall’età medievale quella mezzadrile con i propri meccanismi interni e le proprie specificità.  Il carattere  statico del sistema mezzadrile era caratterizzato da una scarsa propensione dei proprietari terrieri agli investimenti e miglioramenti fondiari, da bassi […]

Continua a Leggere