25 APRILE 2018 – Giornata della liberazione – VALLUCCIOLE – STIA (AR)

Comunicazioni

Vallucciole, piccola località dell’alto Casentino, abitata da gente semplice ed umile, nella primavera del 1944 venne distrutta dalla violenza e crudeltà delle truppe nazifasciste presenti in quel luogo. Furono 108 le vittime, 22 delle quali avevano un’età compresa tra tre mesi e diciassette anni. Era il pomeriggio del 12 aprile 1944 quando tre soldati SS travestiti da partigiani, mandati in avanscoperta, viaggiavano a bordo di un’auto civile: una squadra della brigata “Faliero Pucci”, scesa dalle montagne circostanti a rifornirsi di farina, la intercettò a Molin di Bucchio, località vicino a Stia. Ingaggiato il combattimento, due tedeschi furono uccisi ed abbandonati nell’auto, mentre il terzo riuscì a sfuggire. La terribile rappresaglia tedesca non tardò ad arrivare: all’alba del 13 aprile reparti italiani e tedeschi investirono la zona con quella che sarà la prima strage di civili in Toscana. L’eccidio, che ebbe come epicentro la località Vallucciole, si estese poi anche a Stia, Castagno, e tutto il circondario. Tutt’ora si ignora il numero complessivo delle vittime, ma quel che è certo è che al tramonto del 14 aprile Vallucciole non esisteva più: intere famiglie furono distrutte, le case incendiate e i cadaveri di donne, bambini e anziani abbandonati tra le macerie.

 

lA CIRCOLARE COMPLETA

 

ore 7,00: ritrovo presso il parcheggio della Coop Fi di Montevarchi e partenza dei partecipanti con mezzi propri

ore 8,30: arrivo e raduno di tutti al cimitero di Stia; alcune auto saranno lasciate lì, in previsione del ritorno al termine dell’escursione; le altre proseguiranno per la località Molin di Bucchio, percorrendo la strada statale 556 per circa 8 km.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *