Sentiero C.A.I. N° 43 Valdarno Chianti

Sentieri CAI in Valdarno e Chianti Sentieri Ufficiali

Il Sentiero C.A.I. N° 43 sembra procedere con direzione incerta. Comincia in direzione Sud-Nord poi volge Est-Ovest, infine sembra tornare sui suoi passi Nord-Ovest. In realtà è un magnifico sentiero che permette di apprezzare i rilievi collinari di questa parte del Valdarno.

N° sentiero CAI: N° 43

Gruppo: Valdarno Chianti

Comune/i  Montevarchi, Bucine, Gaiole

Sezione C.A.I. di riferimento: Valdarno Superiore

Punto di partenza: Sentiero C.A.I. N° 45 (pressi di Solata)   Altitudine: 592  mslm

Punto intermedio:    Sinciano   Altitudine: 621 mslm

Punto d’arrivo: Sentiero 00  pressi Monte Calvo      Altitudine: 765  mslm

Punti d’appoggio: Nessuno, ma si possono trovare punti di soccorso presso i borghi di Solata, Sinciano e  Starda.

Valutazione difficoltà scala CAI: E

Lunghezza Km.: 11,170

Dislivello Km: 0,518 (dal Punto più basso al Crinale 00)

Tempo stimato percorrenza: 3,30 ore

Intersezione altri sentieri:  N° 45 ; N° 41; N° 00;

Tipologia: Sentiero

Morfologia: Collina.

Ambiente: Dopo essersi allontanato da Solata il sentiero si snoda in ambiente collinare con prevalenza di bosco e quindi roverelle, corbezzoli , faggi e castagni. Passato il mulino di Piecosta il paesaggio muta e diviene più coltivato. Ecco dunque viti ed olivi, oltre qualche seminativo. L’alternarsi di colture tipicamente collinari con il bosco ci segue fino a Starda dove, salendo repentinamente verso il crinale, si entra decisamente nel bosco. Questa parte del bosco valdarnese è particolarmente vocata per la produzione di castagne e marroni.

Frequentazione: Frequentato

Segnaletica: Buona

Fondo: Misto, all’inizio terra battuta, pietrisco, strada bianca, stradella nel bosco, tratti di asfalto nei pressi Mulino di Piecosta, quindi ancora stradelle al limitare e dentro il bosco.

Acqua sul percorso: Si, presso i borghi

Emergenze architettoniche: Sono interessanti sia Solata che Starda, vecchi castelli. Belle alcune case coloniche ristrutturate.

Aree protette attraversate: Nessuna

Descrizione: Il sentiero, si snoda su stradelle bianche poderali. Dopo Il mulino di Piecosta, fatto breve tratto su asfalto, la strada diviene meno strutturata e con fondo in terra battuta. Il tratto si innesta su di una tipica strada bianca Chiantigiana.  In seguito, dopo Starda, vera e propria strada boschiva.

Punti particolari: Quando il fogliame lo permette si possono vedere ampi tratti del Valdarno.

Valutazione di difficoltà approfondita: Il percorso non presenta alcuna difficoltà.

Cartografia: C.A.I.-L.A.C.-Firenze. Il Chianti, L’Arno e la Chiana (lato 1) – 1:25000;

 

 

 

 

Sentiero CAI n 43 Valdarno Chianti

1 thought on “Sentiero C.A.I. N° 43 Valdarno Chianti

Comments are closed.