L’antico ponte di Certignano

Castelfranco/Pian di Scò Comunicazioni Terre Alte Valdarno

Certignano  è una delle frazioni del  comune di Castelfranco/Piandiscò, posizionato a 300 m. di quota su una ansa della provinciale Via dei Setteponti, dista neanche due km dal capoluogo ed  è prossima  al confine del  comune di appartenenza con quelli di Loro Ciuffenna e di Terranuova Bracciolini.certignano1La storia di questa minuscola borgata si perde nella notte dei tempi, perché eminenti studiosi come il Repetti, il Gamurrini e Alvaro Tracchi indicano che dove ora è ubicato Certignano, doveva trovarsi quella “mansione” della Via Cassia  riportata dall’ Itinerario Antonino con la denominazione “ Ad fines   Casas  Caesariana “.

Il nome “Certignano”,  fa parte di quel consistente numero di toponimi locali  di origine  prediale ( da praedium – podere),identificabili soprattutto dal suffisso ianus che sta ad indicare, in questo caso,che con il  termine   Fundus  Certinianus  era iscritto  nel catasto romano un podere o una proprietà   di una persona  il cui nome era   Certinius. Da notare che   lungo o nei pressi della Via dei Setteponti  vi sono diverse   derivazioni prediali,  basti ricordare Persignano (fundus Persinianus , da Persinius ),   Pulicciano (Fundus Publicianus, da Publius ), Galligiano ( Fundus Galesianus, da Galesius) e altre.

La posizione geografica di Certignano, facente parte della Diocesi di Fiesole, è particolare in quanto oltre essere al limite del comune di Castellfranco /Piandiscò è anche al confine della propria diocesi  con quella  di Arezzo.  Questo confine,  che passa ancora lungo il Borro di Certignano, secondo gli storici deriva dalla  centuriazione romana e quindi ricalcherebbe  l’antico confine dei municipia  romani.  Addirittura  si pensa  che nel caso di Certignano, confine fra la Diocesi di Arezzo e quella di Fiesole, questo confine ricalcherebbe il limite  fra la locumonia etrusca di Fiesole con quella di Arezzo.certignano2

Oggi Certignano è una ridente frazione lungo la storica Via dei Setteponti l’antica via  romana Cassia/Clodia,  la chiesa parrocchiale è dedicata a San Donato e il paese è  stato legato economicamente fino ad ieri  soprattutto all’attività agricola  della tenuta   della  bella villa  Tempi, secentesca la cui storia è possibile rilevarla nel sito: caivaldarnosuperiore.it/ilnostroterritorio/ville/ Castelfranco-Piandiscò e nel libro “Le ville del Valdarno” edito dalla casa editrice Aska e dal CAI  Valdarno fra  brevissimo tempo in commercio. Certignano non ha residui di fortificazioni in quanto era un “villaggio aperto”, circondato  prima della costruzione  di Castelfranco  dai castelli di Soffena, Pian di Mezzo,Piantravigne e il Cocollo. Interessante è  sapere che sotto la strada dei Sette Ponti, a valle dell’attuale ponte che attraversa il borro  vi è un edificio che fino alla Grande Guerra era   un molino riportato anche nella carta 1:25000 dell’IGM, ma soprattutto interessante è un vecchio ponte in muratura ad una arcata che collega la sponda del comune di Castelfranco/Piandiscò e quella di Loro Ciuffenna e che segna il confine comunale e quello della diocesi.Il vecchio ponte che vi si transita solo a piedi, è oggi per lo più sconosciuto quasi a tutti ed è  una bella costruzione abbastanza slanciata che sicuramente ha una storia, in quanto era sul vecchio tracciato della strada dei Sette Ponti e costruito in quel punto  per evitare la costruzione più a monte di un ponte molto più alto come in effetti poi fu costruito.certignano3

Dalla tradizione popolare si sa che il ponte fu costruito all’inizio del XVIII secolo, sul posto di un preesistente ponte forse di legno  . Dal catologo dei Lorena del 1821 sembra che a quella data il tracciato della Sette Ponti fosse  già stato rettificato in quello attuale e quindi il ponte veniva lasciato solo per il traffico interpaesano o come  via più breve  per chi veniva a piedi e per questo uso è stato percorso fino agli anni 60 del secolo scorso; sopra al ponte , sul ciglione era ubicata una fonte di acqua sorgiva abbastanza famosa in loco e  che permetteva a chi transitava di riposarsi bevendo un acqua pura e fresca. Lo stato del ponte non è male  ma se dovesse cadere, essendo privo di manutenzione, sicuramente nessuno lo  ricostruirebbe  sul disegno attuale, fra le difficoltà inoltre è che il vecchio ponte collega  due sponde di comuni diversi. Si spera che resista integro  il più a lungo possibile, per poter così mantenere un’ antica  testimonianza  di una importante via di comunicazione che ha fatto al storia come la Via dei Setteponti, già Via Cassia/Clodia e poi Via Sancti Petri.

certignano4

       certignano5

  Testo e foto di Vannetto Vannini

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *