I rondoni : un volatile importante nella tradizione popolare, montanara e contadina

Le persone più anziane sanno benissimo  a cosa servivano quelle file di piccoli  fori circolari , in alto, sulle pareti esterne delle abitazioni. Nei muri delle casei ci  poteva essere anche  solo una fila, ma come si può vedere dalle foto di due abitazioni di Loro Ciuffenna, le file di fori  potevano essere invece diverse […]

Continua a Leggere

Pieve a Socana e l’ara sacrificale etrusca ,un reperto unico in Italia.

Nel periodo romano, la località  di Socana era al centro di un interessante sistema viario che permetteva ai romani di portarsi al nord del loro impero. Da Socana, come scrive il defunto prof Alberto Fatucchi, grande studioso e autore di un gran numero di pubblicazioni e conferenze  in merito, passava la via Maior  proveniente  da  […]

Continua a Leggere

Gli anni neri dell’agricoltura nelle colline della Setteponti. (Quando si beveva l’acquerello o mezzovino)

Nel sistema collinare che incombeva sopra alla provinciale dei  Sette Ponti, la forma di conduzione prevalente dell’agricoltura era stata sin dall’età medievale quella mezzadrile con i propri meccanismi interni e le proprie specificità.  Il carattere  statico del sistema mezzadrile era caratterizzato da una scarsa propensione dei proprietari terrieri agli investimenti e miglioramenti fondiari, da bassi […]

Continua a Leggere

Oliveto e la chiesetta di San Sebastiano

Oliveto è un agglomerato collinare  ora   residenziale  a quota 550 m nel comune di Loro Ciuffenna, sulla strada che  dal capoluogo porta ad Odina  che coincide in questo tratto con il sentiero CAI 33. Il piccolo borgo è costituito da alcune antiche  case perfettamente rimesse e appena fuori da una  piccola chiesetta dedicata a San […]

Continua a Leggere

Pieve di Gropina, l’origine ancora non chiarita del pulpito.

Nei pressi di Loro Ciuffenna, su una dorsale a quota m 380, appena sopra all’odierno tracciato della via dei Setteponti si trova il grande edificio della pieve romanica di Gropina e  intorno alla chiesa alcune abitazioni private, una cappellina della Compagnia e la canonica.  La posizione è veramente dominante e panoramica, la montagna a nord […]

Continua a Leggere

Piandiscò : Il “palagetto” di Casabiondo, esempio di proprietà mantenuta nel tempo.

Del  nucleo abitativo di Casabiondo abbiamo già riferito su Terre Alte almeno due volte, la prima volta  sotto il titolo “Testimonianze  su un antico tracciato  della Sette Ponti” abbiamo parlato della antica viabilità, la seconda volta con il titolo “Oratorio dei Bandini a Casabiondo o chiesetta dell’Immacolata Concezione” abbiamo messo a fuoco la storia di […]

Continua a Leggere

Il gelso (moro), albero storico della nostra montagna e campagna.

(Il moro bianco di San Clemente in Valle- Loro Ciuffenna, decano di tutti i gelsi della nostra montagna ) Nelle nostre campagne, dal piano alla collina, esistono  ancora molte piante di gelso (moro), si trovano singole o ancora in filari ordinati lungo la stradelle campestri o nei dintorni delle  case coloniche,case  in genere oggi ristrutturate […]

Continua a Leggere

Oratorio dei Bandini a Casabiondo o chiesetta dell’Immacolata Concezione.

Nel contesto profondamente religioso  nato dalla controriforma dopo il Concilio di Trento, anche nella nostra zona furono costruite alcune chiesette padronali in un arco di tempo compreso fra la fine  del XVI° e i primi anni del  XVIII° secolo, molto  per esigenze di prestigio familiare ma anche  per  forti motivi religiosi. In alcuni territori, queste […]

Continua a Leggere

Piandiscò: Testimonianze su un antico tracciato della Sette Ponti.

Dall’abitato di Piandiscò per  andare verso Reggello occorre attraversare  il  torrente  Resco che proprio in prossimità del paese scorre nel fondo di una gola incassata. Nell’attuale tracciato della provinciale dei Sette Ponti,   il Resco viene superato a circa 700 m dall’abitato con un ponte    che è il più alto, dal fondo della gola al piano […]

Continua a Leggere

La cipria profumata di violetto delle nonne nella nostra montagna

Oggi per produrre un profumo o una qualsiasi cosa profumata,  come era la cipria che usavano le nostre nonne sia per farsi belle che  per profumare le vesti o i panni riposti freschi di bucato, non è più necessaria la conoscenza dei ritmi della natura, della delicata e a volte complessa alchimia delle piante. Oggi […]

Continua a Leggere