RIPARTENZA ESCURSIONI

Cari soci, con grande piacere vi possiamo nuovamente scrivere che è stata pubblicata la circolare relativa all’escursione del 27 e 28 Giugno 2020 – ANELLO DI MONTOZZI; potete leggerla al seguente link del nostro sito: Eventi Sezione                                                                                             Dopo mesi di passeggiate “domestiche” tra il divano e il terrazzo finalmente possiamo tornare a fare le nostre […]

Continua a Leggere

ATTIVITA’ SEZIONALI IN SICUREZZA

In previsione della ripresa delle nostre attività, sempre però nel rispetto delle normative attuali relative al COVID-19, il Consiglio Direttivo ha pensato di mettere a disposizione dei nostri soci una mascherina stilizzata con logo “CAI Sezione Valdarno Superiore” stampato su entrambi i lati. Le mascherine saranno in TNT lavabili e riutilizzabili, prodotte in Italia. Il […]

Continua a Leggere

La biblioteca della Sezione

Credo che sia opportuna una riflessione su questo strumento di cui è dotata la nostra sezione. L’idea di costituire una biblioteca all’interno della Sezione Valdarno Superiore si deve, come di molte altre attività che dall’inizio dell’avventura del CAI nella nostra vallata hanno caratterizzato questa organizzazione, all’iniziativa del Socio Vannetto Vannini che come sappiamo, in varie […]

Continua a Leggere

CAIconVOI

📯Il CAI Valdarno Superiore, in questo momento di particolare emergenza, invita tutti i propri soci a partecipare alle raccolte fondi destinate all’Ospedale del Valdarno, per dimostrare stima e riconoscenza a tutti gli operatori della sanità del nostro territorio per l’enorme lavoro che stanno facendo. Nella causale vi preghiamo di indicare CORONAVIRUS CAIconVOI per fare sentire […]

Continua a Leggere

BUONA PASQUA

Il Consiglio direttivo nell’augurare Buona Pasqua a tutti i Soci, auspica una ripresa delle attività della nostra sezione il prima possibile (naturalmente sempre ottemperando alle norme governative relative al Covid-19), con una serie di iniziative che andranno ad aggiungersi ai programmi (opportunamente rivisti) per il 2020. STATE PRONTI NE FAREMO DELLE BELLE!!!!!!!!! Il Presidente Alessandro […]

Continua a Leggere

25 Aprile Festa della Liberazione

QUEST’ ANNO NON SARA’ POSSIBILE FARE LA CONSUETA ESCURSIONE CHE RICORDA LE TAPPE DELLA RESISTENZA E LA LIBERAZIONE DELL ‘ITALIA DAL FASCISMO. IL GRUPPO TREATRARCAMMINANDO DEDICA A TUTTI VOI LE PAROLE DI GIANNI RODARI, CON IL NOSTRO PERSONALE ABBRACCIO. W IL 25 APRILE. PAROLE: Abbiamo parole per vedere, Parole per comprare Parole per fare parole. […]

Continua a Leggere

L’ultima grande epidemia nella nostra montagna e l’importanza della Patata

L’ultima grande carestia ed epidemia  di tifo petecchiale nella nostra montagna. L’affermazione della patata  come alimento importante fra le genti del Pratomagno Le persone che erano nate negli ultimi decenni del secolo XIX, in gran parte  coloro che avevano  partecipato alla Prima Grande Guerra  (i nostri nonni per  molti di noi: i  miei nonni sia […]

Continua a Leggere

Rinvio ciaspolata 22 e 23 Febbraio

Cari Gappini,  Purtroppo quest’anno la neve in appennino dopo un inizio autunnale promettente si lascia desiderare e nonostante gli sforzi e gli scongiuri di Alessia e Monica che avevano proposto e si erano prodigate fino all’ultimo per la realizzazione dell’escursione (e che ringraziamo), siamo costretti ad annullare la ciaspolata di 2 gg sul Gran Sasso prevista per il fine settimana del 22 e 23 febbraio. […]

Continua a Leggere

Il Chianti: un territorio bello ma complesso (terza parte)

Chi ha letto i precedenti articoli sui confini del Chianti pubblicati nei rispettivi numeri del nostro giornalino, sono convinto che si è fatto un’idea di come sia complessa la questione. Anche lo storico Emanuele Repetti, nel suo Dizionario degli anni ’30 e ’40 del XIX secolo, parlava del Chianti come “una vasta, montuosa, boschiva e […]

Continua a Leggere

Gli anni neri dell’agricoltura nelle colline della Setteponti. (Quando si beveva l’acquerello o mezzovino)

Nel sistema collinare che incombeva sopra alla provinciale dei  Sette Ponti, la forma di conduzione prevalente dell’agricoltura era stata sin dall’età medievale quella mezzadrile con i propri meccanismi interni e le proprie specificità.  Il carattere  statico del sistema mezzadrile era caratterizzato da una scarsa propensione dei proprietari terrieri agli investimenti e miglioramenti fondiari, da bassi […]

Continua a Leggere